NYC/MIA
05:27
Londra
10:27
SG/HK
05:27
CONTATTO

I contenuti arabi online sono in ritardo rispetto al boom di utenti.

Tempo di lettura stimato: 3 minuti - Gennaio 10, 2014

Con un tasso di crescita annuale di 2500%, l'audience online del Medio Oriente e dell'Africa del Nord (MENA) è attualmente una delle più grandi del mondo. I segmenti online in più rapida crescita. Tuttavia, esiste un'enorme disparità tra il numero di utenti arabi MENA online e i contenuti arabi disponibili online.

Circa 413 milioni di utenti nel mondo arabo sono online, ma solo 3% il contenuto online attuale è in arabo

Nonostante la crescente base di utenti arabi di Internet, il numero di siti localizzati in arabo e di siti con contenuti originali in arabo rimane basso. Nel 2012, solo 1 sito web su 20 di Fortune 500 aveva contenuti in arabo, e solo 1 su 4 I 100 marchi globali più importanti hanno offerto versioni arabe dei loro siti, secondo un'indagine di Rapporto CSA.

La capacità di scrivere in arabo, un processo che va da destra a sinistra, è limitata anche dalla disponibilità di piattaforme di testo bidirezionali online. A causa della scarsità di piattaforme di testo bidirezionali, la maggior parte degli utenti arabi è costretta a usare l'inglese o l'arabizi, una forma di arabo trasmessa attraverso caratteri latini e numeri europei. Questa frammentazione della lingua complica ulteriormente il processo di consolidamento e indicizzazione di contenuti arabi online per motori di ricerca.

Sforzi per colmare il divario della lingua araba sul web sono stati guidati dal governo e da alcune aziende private. Google ha promosso l'espansione dei contenuti web in arabo tramite Giornate web in arabo e dal 2012, riconosce annualmente la Giornata Nazionale del Web Arabo il 12 dicembre. Taghreedat cerca di localizzare piattaforme web popolari come Wikipedia, Twitter, TED e Coursera con la sua rete di traduzione basata su volontari. E Yamli affronta le complicazioni della ricerca sul web in arabo. Noura Al Kaabi guida in modo prominente le iniziative governative per "costruire un impero mediatico in lingua araba" attraverso l'organizzazione mediatica twofour54 (Coordinate geografiche di Abu Dhabi).

I nomi di dominio internazionalizzati (IDN), che consentono agli utenti di registrare nomi di dominio nella loro lingua madre, sono stati utilizzati anche come piattaforma per rivendicare l'identità online in lingua araba. I consigli regionali, come ictQatara e SaudiNICOffre i domini arabi specifici per la regione .قطر e .السعودية, mentre una task force sulle scritture arabe IDN è nato per risolvere le sfide tecniche dell'accesso e della registrazione dei domini arabi.

Gli sforzi per promuovere i contenuti arabi online sono più visibili sui canali dei social media, principalmente Facebook, Google+ e Twitterdove l'arabo sta lentamente superando l'inglese come lingua e interfaccia online predominante nelle regioni MENA. Queste piattaforme di social media sono anche sempre più utilizzate come fonte primaria di notizie, come emerge da uno studio regionale MENA del 2013 condotto da Bayt.com e dall'Istituto per la ricerca e l'informazione sulla salute. Scuola di Governo di Dubai ha rivelato che quasi il 28% degli arabi ha effettivamente preferisce i social media come fonte primaria di notizie.

Mentre il la migrazione alla pubblicità digitale è stata più lenta rispetto ad altri mercati maturiLa pubblicità digitale sta guadagnando terreno nella regione MENA e cresce ad un tasso di 35% all'anno. I cambiamenti demografici del web e il comportamento degli utenti Generazione digitale araba sono particolarmente significativi per il marketing internazionale e sono argomenti che Criterion Global sta seguendo da vicino per il 2014.

Il grafico in primo piano che illustra l'utilizzo di Internet da parte della generazione digitale araba è stato realizzato da Booz & Company -. Sondaggio Google Arab Digital Generation 2012.


CRITERIO GLOBALE è una società internazionale di consulenza per la pianificazione e l'acquisto di media, specializzata in marchi di viaggi/ospitalità, vendita al dettaglio e consumatori di lusso in tutto il mondo. Con uffici a New York City, Miami Beach e Mumbai, Criterion Global ha realizzato campagne in 37 Paesi diversi.

RIMANERE PERSPICACI

I media cambiano costantemente. Si iscriva per ricevere aggiornamenti periodici sulle necessità di sapere dalla principale società di consulenza indipendente sui media.
Modulo per la newsletter