NYC/MIA
07:41
Londra
12:41 pm
SG/HK
07:41
CONTATTO

Perché gli inserzionisti di viaggi pagano i CPM pubblicitari più alti?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti - Luglio 1, 2011

Qualche tempo fa, abbiamo condiviso degli studi sui CPM medi pagati da varie categorie di inserzionisti. È interessante notare che i CPM degli annunci di viaggio erano i più alti, e nuove prove suggeriscono che gli inserzionisti di viaggio possono ancora pagare un premio - anche per fare pubblicità su piattaforme sociali che traggono profitto dai contenuti generati dagli utenti [leggi: non sempre professionali/premium/brand-friendly].

CPM degli annunci di viaggio: I dati

Uno studio ha analizzato i CPM medi pagati da varie categorie verticali di inserzionisti. L'industria dei viaggi, che genera 8,5 miliardi di immagini impressioni pubblicitarie all'anno, è una categoria altamente competitiva e una fonte affidabile di dollari pubblicitari per le reti pubblicitarie e i principali editori. Non sorprende che le tariffe degli annunci di viaggio siano state le più elevate, con un CPM medio pagato di $19,89.

Il set di dati dello studio ha riunito circa 12.000 siti a medio traffico (che ricevono all'incirca meno di 1 milione di impressioni al mese) serviti da Adify, rendendo i dati meno indicativi dei CPM medi pagati per le campagne su larga scala, che in genere incorporano un traffico più elevato - e un biglietto più alto -. media online fonti. Tuttavia, i risultati sembrano validi. Le categorie con articoli ad alto prezzo che vendono ad un pubblico più qualificato dovrebbero pagare un premio per la pubblicità, in particolare in settori competitivi come l'auto, la tecnologia e, naturalmente, i viaggi.

I costi pubblicitari dei viaggi

A ulteriore sostegno di questa tendenza, i dati pubblicati da Wordstream mostra la spesa pubblicitaria per i viaggi e il turismo come la spesa pubblicitaria di Google terzo posto tra i più redditizi categoria di inserzionisti, generando $2.4B di pubblicità solo su Google. La parola chiave con il costo più alto? Gli hotel di New York, con un costo di quasi $7.50 CPC nel 2011.

Senza una strategia per catturare l'attenzione dell'utente, abbinata a un targeting aggressivo, gli inserzionisti di viaggi cadono vittima di piattaforme i cui sistemi self-service sono progettati per spendere il loro budget - il più rapidamente possibile.

Il dominio delle OTA nel settore dei viaggi è un enorme fattore di costo che gonfia i CPM degli annunci di viaggio. La pubblicità per l'acquisizione di clienti è il #1 delle OTA, e probabilmente solo costi. Gli hotel, le compagnie aeree, i marchi di crociere e di autonoleggio hanno enormi costi iniziali, tra cui la manutenzione delle proprietà, la manodopera, i prezzi delle materie prime, l'ammortamento e molto altro ancora. Dei 5 principali inserzionisti citati nell'analisi di Wordstream, 4 erano OTA. Questa asimmetria nel mercato fa lievitare i costi su una CPM e CPA per gli inserzionisti diretti di viaggi, come hotel, compagnie aeree, crociere e marchi di auto a noleggio.

MyCube ha compilato i CPM pagati su Facebook, esaminati in base alla demografia, e i CPM pagati su YouTube, suddivisi per argomento del video. Su YouTube, i video di viaggio ottengono i CPM più elevati.

Chi vince?

Facebook e YouTube, che stanno cercando in modo aggressivo di monetizzare i contenuti degli utenti.

Chi perde? Molto probabilmente, marchi di viaggio che cercano pubblicità adiacente ai video di una crociera in Alaska - in sostanza, quegli inserzionisti di viaggi che pagano un CPM così alto per gli annunci di viaggio. Senza una strategia per catturare l'attenzione dell'utente, abbinata a un targeting aggressivo, gli inserzionisti di viaggi cadono vittima di piattaforme i cui sistemi self-service sono progettati per spendere il loro budget - il più rapidamente possibile.

Questi studi sottolineano il vantaggio di lavorare con un'agenzia di media buying che rappresenti clienti di vari settori, le cui trattative sarebbero informate da una valutazione neutrale per categoria di quanto si dovrebbe pagare per un determinato posizionamento.

Criterion Global ha elaborato strategie per incrementare il ROI e ridurre i CPM degli annunci di viaggio in modi intelligenti per i marchi globali del settore dei viaggi e dell'ospitalità. Per avere dei casi di studio della nostra esperienza, o per rispondere a domande su come fare pubblicità su Facebook e YouTube senza sprecare il suo budget, ci contatti all'indirizzo hello@criterion.criterionglobal.comoppure visiti Criterio globale per saperne di più.

RIMANERE PERSPICACI

I media cambiano costantemente. Si iscriva per ricevere aggiornamenti periodici sulle necessità di sapere dalla principale società di consulenza indipendente sui media.
Modulo per la newsletter